Caso "Alice in Wonderland": il trade si incontra domani a Roma


Grossisti, insegne e associazioni di categoria discuteranno presso la sede di Anvi-Confesercenti

Il trade si incontrerà domani a Roma per discutere del “caso Alice in Wonderland”. Secondo quanto dichiarato a E-duesse.it dal presidente Anvi Roberto Giamminuti, all’ordine del giorno la protesta nei confronti di Walt Disney Company (distributore del titolo) che, nonostante le numerose richieste di chiarimenti non ha ancora reso se (dopo “Il mondo dei replicanti” e appunto “Alice in Wonderland” ) la propria pianificazione prevede altri titoli in contemporanea home video/pay per view Sky. Al momento la protesta del trade prevede il non acquisto della versione rental del film.
Presso la sede di Anvi-Confesercenti si ritroveranno le tre sigle sindacali Anvi, Faiv-Unionvideo e Coordinamento Nazionale Videoteche, oltre a diversi esponenti delle catene in franchising e dei grossisti. Tra le aziende che hanno garantito la propria presenza Terminal Video, 16 Film, HD Distribuzione, Digital Emotions, Cinemastore, VideoVip e Dvr Film.