"Pirateria digitale, fenomeno criminale a pieno titolo"


L’allarme lanciato da Gianni Fava, Presidente della Commissione Parlamentare Anticontraffazione, sulla crescita della contraffazione via Web


Quelli che fotografano la pirateria e la contraffazione in Italia sono numeri che, nonostante tutto, ancora sorprendono ancora per la loro dimensione. «Rispetto al 2010», ha affermato Gianni Fava (Lega Nord), presidente della Commissione parlamentare Anticontraffazione, come riportato dall’agenzia Adn Kronos, «abbiamo assistito a un aumento superiore al 100% dei sequestri di file audio e video. Attraverso numerosi siti esteri i film in lingua originale, sono disponibili in anticipo rispetto alla loro uscita nelle sale italiane». La pirateria audiovisiva in Italia ha storicamente consentito alle organizzazioni criminali di realizzare ingenti profitti illeciti. «Per sconfiggere un fenomeno di dimensioni così vaste, oltre che confidare nella repressione affidata alle forze di polizia e alla magistratura, occorre che ciascuno faccia la propria parte, a cominciare dall'Europa». Nel nostro Paese, nell'ultimo anno, il 23% degli utenti Internet avrebbe acquisito musica illegalmente.
E in fatto di cifre va ricordato quanto emerso - sempre come riportato da Adn Kronos - dall’audizione dei rappresentanti del Nucleo speciale frodi tecnologiche della Guardia di Finanza, alla Commissione Parlamentare Anticontraffazione, riferendosi ai risultati di un’operazione condotta dal Nucleo di polizia tributaria di Cagliari:
«Dieci milioni di 'torrent' attivi e oltre tre milioni di visite giornaliere da tutto il mondo. Sono i dati relativi a uno dei più grandi siti mondiali del falso multimediale, rispetto al quale l'Italia è risultata essere il terzo Paese per provenienza di utenti, alle spalle solo di India e Stati Uniti».

http://www.e-duesse.it/News/Home-video/Pirateria-digitale-fenomeno-criminale-a-pieno-titolo-142266

Fonte: e-duesse.it